viernes, 22 de noviembre de 2013

I Grandi seminatori del XX secolo

Il presidente J.F.Kennedy 50 anni dopo, il 22 Nov.nel giorno del suo assassinio avvenuto nel 1963. 
George Adamsky, 20 Nov nel giorno del suo primo incontro con gli Extraterrestri avvenuto nel 1952 presso il deserto della California nel Desert Center, in direzione verso l'Arizona. E' sepolto nel cimitero degli eroi di Arlington, accanto a J.F.Kennedy.  
Papa Giovanni XXIII, protagonista di in incontro con gli Extraterrestri alla presenza del suo segretario personale, Mons.Loris Capovilla avvenuto nel 1961. Il Papa inoltre riceve il CONTATTATO George Adamsky, per farsi consegnare il messaggio dagli Esseri di Luce  che gli hanno voluto destinare. JFK incontra il contattato George Adamsky, durante la drammatica fase della Crisi di Cuba del 1962.

https://www.facebook.com/notes/filippo-bongiovanni/papa-pio-xii-e-papa-giovanni-xxiii/169184676449813
Papa Pio XII e Papa Giovanni XXIII

                                     
                 Papa Giovanni XXIII incontrò un alieno Il racconto del suo segretario personale

Nessun ricordo, nessuna commemorazione, nè celebrazioni...solo un invito alla riflessione di come questi personaggi, e lo vedremo, sono uniti da un solo filo comune denominatore: I DISCHI VOLONTI E LA PRESENZA EXTRATERRESTRE COME RIVELAZIONE PRETTAMENTE MESSIANICA. L'umanità ha voluto sprecare le offerte che nei Piani Superiori gli hanno messo a disposizione, anche attraverso degli inviati speciali, che avrebbero potuto fare la differenza, se fossero stati ascoltati e lasciati in pace e liberi di operare. In mezzo o dentro a tutta l'opera dei Contattati del XX secolo, con le Potenze Celesti, anche alcune figure come queste, sono da considerarsi Grandi Seminatori 

                                                          I due Seminatori del 1963 
I Grandi Seminatori
"...Ritorneranno in quel tempo i grandi Seminatori per gettare la semente. Una parte della terra sarà però fumante e un terzo della semente sarà bruciata. Una parte della terra sarà sterile e lascerà morire la semente. Ma la terza parte darà raccolti così copiosi come mai erano stati visti sulla terra.
Ogni terra, in questo tempo, sarà posta sotto il segno di un evangelista. La grande isola sarà sotto l’ombra del leone, ma il leone perderà gli artigli.
La Giusta Terra e il cuore dell’Europa avrà il segno dell’uomo. Sotto il segno del vitello sarà posta invece l’Europa occidentale. E sotto il segno dell’aquila sarà posta la Santa Russia, perché il suo compito sarà quello di vigilare e di difendere.
Quando la terra sarà percorsa da un fremito continuo, non staccate gli occhi dall’oriente perché sarà da quella parte che giungeranno i nuovi profeti. Saranno questi che prepareranno la via del Signore, che sfolgorante giungerà sempre dall’oriente."
Le Profezie di Rasputin

DAL CIELO ALLA TERRA
DA ORIENTE VERRA' LA SENTENZA ASSOLUTORIA O DI CONDANNA DI QUESTA
DEGENERATA, PERVERSA E SANGUINARIA GENERAZIONE.
SE DA ORIENTE SI ESPANDERA' NEL RESTO DEL MONDO IL FRUTTO EVOLUTIVO
SCATURENTE DALLA SOFFERENZA, L'UMANITÀ POTRA' CONSIDERARSI SALVA !
SE QUESTO FRUTTO REDENTORE VERRA' MENO, IL PROCESSO AUTODISTRUTTIVO
DI QUESTA IMBELLE E CODARDA GENERAZIONE NON SI POTRA' FERMARE.
LE POTENZE CELESTI VI HANNO INDICATO IL SENTIERO CHE DOVETE
PERCORRERE PER LIBERARVI DALLE ANOMALE SITUAZIONI IN CUI VI TROVATE.
SE SARETE ACCOMUNATI CON IL SINCERO IDEALE DI AMARVI GLI UNI GLI ALTRI,
PERCHE' IN VERITÀ SIETE FRATELLI, LA LUCE DEL PADRE GLORIOSO FARA'
FECONDARE NEI VOSTRI CMUORI E NEI VOSTRI SPIRITI IL DESIDERIO DI EREDITARE
IL SUO CELESTE REGNO.
DAL CIELO ALLA TERRA
Eugenio Siragusa
Nicolosi, 28.03.1993 Ore 12

KENNEDY VISITATO DA UN EXTRATERRESTRE E GIOVANNI XXIII CONSOLATO PRIMA DI MORIRE.

Nulla è fortuito nella storia dei popoli. Niente succede per caso nel Pianeta Terra e tanto meno in questi momenti trascendentali della sua evoluzione.
Continua ad essere interessante annotare in modo semplice alcune coincidenze degli anni 1962-63 e 64.
Nell'anno 1962 iniziava il Concilio Vaticano II; ebbe luogo la crisi di Cuba; si effettuano i voli spaziali pilotati dagli USA con Carpenter e Glenn e il primo veicolo che si possa sulla Luna è il Ranger IV. A Giugno di 1963 muore Giovanni XXIII; ad Agosto si firma il primo trattato di proibizione dei test nucleari nell'atmosfera; a Novembre è assassinato il Presidente del Vietnam del Sud, Ngo Ding Diem; Adenaur si ritira dal Governo, scoppia la guerra fra greci e turchi; gli astronauti russi Bikovsky e Valentina Tereshkova hanno incontri importanti, ma messi a tacere dopo il volo. Nikita Kruscheff viene emarginato dal Potere nel 1964, solo un anno dopo d'avere firmato il trattato di proibizione dei test nucleari, essendo morto Kennedy un anno dopo al termine della crisi cubana...
Chi ha la capacità per analizzare, analizzi. Chi possiede altri dati per dedurre, deduca. Noi vogliamo aggiungere altro materiale in più perchè il lavoro sia più facile.
Il 24 Maggio 1962, in una base dello Stato di California, diverse personalità dell''USA, incluso il proprio Presidente Kennedy, assistettero ad una dimostrazione extraterrestre, avendo luogo un nuovo incontro del “Programma Saras”. La notizia filtrò per via diplomatica. L'incontro fu descritto da un testimone oculare : Il console Alberto Perego.


                             Astronave Madre fotografata da Adamsky nel 1951

Secondo un'altra informazione che circolò sottomano negli Stati Uniti, fra i grandi del Pentagono e i responsabili della politica, Kennedy ebbe un altro incontro con un essere extraterrestre nell'anno 1962. A questo nuovo contatto, che ripeteva in modo indiretto quello avuto con un parente del Presidente Truman, seguirono altri fatti che confermarono Kennedy in una determinata linea d'azione e di politica internazionale.
Nel diario intimo del Presidente non si è potuto trovare nessuna allusione a questo fatto, del quale ci sono certamente dati ufficiali. La notizia filtrò per via sotterranea e diplomatica ed arrivò in Europa.
In quel periodo di tempo, Kennedy cominciò a parlare in modo insistente dello Spazio, dell'esplorazione del Cosmo. Dava l'impressione d'essere ossessionato dalla corsa allo spazio e non perdeva l'occasione per giustificare l'urgenza dei progetti che avevano come obiettivo d'arrivare sulla Luna, benché il costo di tale missione si rivelasse enormemente alto e producesse polemiche e perplessità oltre misura nel Congresso.
Non è casuale che lo stesso Theodore Sorensen facesse allusione a questa abitudine del Presidente Kennedy con queste parole :
...fece elevare enormemente il presupposto aggiudicato al lancio del “Progetto Saturno”. E con anticipo aveva dato nuova vita al National Space Council, mettendolo sotto la direzione del vicepresidente, in modo che fosse più facile controllare ed accedere ai lavori; evitandone così le ingerenze militari e civili. Kennedy, in questo tempo, aveva fretta ed esigeva dai collaboratori e dai tecnici risposte immediate”. Alcuni dei collaboratori più vicini arrivarono a commentare che in Kennedy si era scatenato, inspiegabilmente, un'autentica mania spaziale.
Possibilmente il fatto più rivelatore dell' attitudine di Kennedyfu un discorso che pronunciò a quell'epoca al Congresso e che terminò a modo suo, ignorando le raccomandazioni degli avvocati e legislatori che gli consigliavano e correggevano i testi che doveva leggere al Congresso. Il suo discorso finì così :
  • In questo momento, nessuna impresa ha maggiore importanza o maggiore significato per lo sviluppo dell'Umanità, che quella che può condurci sulla Luna...Nel senso reale, non sarà un uomo solitario che arriverà sulla Luna, ma una nazione intera. Non si tratta semplicemente di una competizione. Adesso lo Spazio si apre davanti a noi. Il nostro desiderio di conoscere i segreti non è determinato dagli sforzi degli altri. Noi scrutiamo lo Spazio perchè dobbiamo dare il nostro contributo a tutte le grandi imprese dell'Umanità.
Quella notte, dopo la sessione del Congresso, lo accompagnò alla macchina presidenziale Sorensen, John Kennedy commentò :
  • In verità, l'applauso del Congresso non è stato entusiasta. Piuttosto è stato prammatico e recriminante.
  • Ti avevamo avvertito, John. Il Congresso ti ha incolpato per questo discorso. In realtà quello che gli ha disturbato sono stati le tue prole finali... “ Se non siamo disposti a mettere mano all'opera ed accettare i carichi necessari per coronare questo progetto, è meglio non continuare con esso...” La tu voce a quel punto suonò troppo incalzante, troppo ingiustificata ed incerta. Non possono comprenderti. Non hanno ragioni per capirti...
Kennedy si ritirò triste a riposare quella notte. Ma nel poco tempo di vita che gli restò, continuò a parlare dello stesso tema. E in occasione della sua visita all'Università dello Stato del Texas, esattamente il 12 Settembre, quando mancavano meno di settanta giorni al suo assassinio, ritornò ad insistere sullo stesso discorso :

Appena ieri abbiamo potuto disporre della luce, del telefono, delle automobili. E' da poco che possiamo sfruttare della penicillina, della televisione, dell'energia nucleare. Adesso, se con la ricerca spaziale riusciamo raggiungere Venere, avremmo aggiunto, letteralmente, la prima Stella al spuntare dell'alba”.

Queste parole che nemmeno erano previste, che non erano incluse nel testo del suo discorso, di nuovo lasciarono perplessi i suoi collaboratori diretti e quelli che l'accompagnavano nel viaggio.
Era come se John Kennedy, nei momenti importanti delle sue apparizioni pubbliche, mettesse una rubrica che gli saliva dal profondo, senza controllo, come se qualcuno gli avesse dettato, impiegando procedimenti sublimati. Chi gli aveva dettato? O bensì, forze, le prove che operavano in mani di Kennedy, l'obbligavano a prendere una posizione aperta in favore dell'esplorazione nello spazio?
E' certo che, tanto egli quanto Kruscheff, s'avvicinarono molto di più di quanto nessuno avesse potuto prevedere nei giorni della crisi cubana, e il 5 Agosto 1963 ebbero il tempo sufficiente per firmare “il primo trattato di proibizione dei test nucleari” nell'atmosfera. Certamente si poteva continuare facendo i test nel sottosuolo ed inoltre né la Cina né Francia firmarono il trattato, però fu un passo che non è ritornato a ripetersi più nella storia di questo secolo. Un passo che i due statisti fecero poco prima di sparire definitivamente.


                          Tracciatore magnetico ricognitore fotografato da Adamsky nel 1952

La sua scomparsa, ebbe qualcosa a che vedere con questi fatti? Forse siamo sul punto di conoscere la verità. Perchè alla scomparsa di questi due uomini, bisogna aggiungere la morte di George Adamski e di Giovanni XXIII.
Secondo dati confidenziali, tre giorni prima della sua morte Giovanni XXIII aveva ricevuto un messaggio dei Fratelli dello Spazio. Giovanni XXIII fu uno dei pochi esseri ecclesiastici, che in questo secolo, passò per l'iniziazione e la coronò. Egli rivelò, nella misura che poté, il terzo segreto di Fatima e profetizzò avvenimenti concernenti alla politica, allo spazio, al futuro del Pianeta e dello stesso Kennedy, nonostante lo precedesse nella dipartita. Pier Carpi, scrittore italiano che rivelò documenti segreti del Conte di Cagliostro, è ritornato a rivelarli nel caso di Giovanni XXIII. Neanche questi due fatti sono fortuiti.
Eugenio Siragusa fece allusione a Kennedy ed a Giovanni XXIII nelle stesse date, avendo ricevuto delle comunicazioni con le quali chiuderemo questo cumulo di coincidenze e casualità storiche.
Molto prima che questi avvenimenti si producessero, il Papa Giovanni XXIII scrisse una serie di testi iniziatici, esoterici, profetici... Testi che furono dati da un misterioso personaggio al giornalista italiano Pier Carpi, scrittore che riuscì ad illuminare, con onestà ed etica, le immagini del passato che furono maltrattate dagli storici e deformate dai biografi. Carpi non avrebbe potuto farlo senza l'incontro e l'apporto avuto con un anziano dalla barba lunga che gli facilitò i dati in ambi i casi.
Giovanni XXIII lasciò, all'interno dell'ordine esoterico a cui apparteneva, il contenuto segreto di una serie di profezie. Alcune di queste sono state rivelate da Carpi, altre restano da rivelare. Due di queste profezie fanno allusione ai Kennedy, un'altra ai dischi volanti, un'altra ad Eugenio Siragusa, della cui esistenza non solo ebbe notizia, ma prove della reale identità. Questo è un paragrafo allusivo ai Kennedy :

Cadrà il Presidente, cadrà il fratello. Tra essi il cadavere della stella innocente. C'è chi sa. Domandate alla prima dama nera e all'uomo che la condurrà all'altare nell'isola. Saranno in tre a sparare contro il Presidente. Il terzo di loro, sarà fra i tre che uccideranno il secondo...”

E tuttavia più rivelatore il paragrafo che allude ai dischi volanti ed ai viaggi sulla Luna... Tenendo conto che Giovanni XXIII scrisse queste profezie molti anni prima dei fatti e morì prima che si compiessero...,hanno un grande valore di testimonianza..., e giustificano il fatto del “Messaggio Segreto”che gli arrivò dallo spazio tre giorni prima della sua morte, avvalorando in più l'incontro di John Kennedy con un invito dello spazio esterno...
I rotoli verranno trovati nelle Azzorre e parleranno di antiche civiltà
che insegneranno agli uomini, cose antiche che essi ignorano. Attraverso dei rotoli, le cose della Terra parleranno agli uomini riguardo le cose del cielo. Segni sempre più numerosi. Le luci del cielo saranno rosse, azzurre e verdi. Veloci. Cresceranno. Alcuni vengono da lontano. Vogliono conoscere gli uomini della Terra. Già ci sono stati degli incontri. Però chi ha visto realmente, ha taciuto...”
Per la prima volta riveliamo queste coincidenze. Per la prima volta possiamo fare coincidere alcuni fatti con altri e lasciare intravedere il legame che sotterraneamente gli ha uniti. Chi sa leggere, legga. Soltanto aggiungeremo due messaggi di Eugenio Siragusa relativi a Kennedy e Giovanni XXIII.
Il messaggio riguardante a John Kennedy con data del 27 Novembre 1963, ricevuto da Eugenio Siragusa alle 23,30, diceva così :
...Egli non è più sulla Terra, ma la sua grande missione fu compiuta il giorno 23 Settembre 1963, quando davanti ai delegati delle Nazioni Unite, disse :
  • Concittadini di questo Pianeta, salviamo il mondo dalla distruzione e dalla fame. Ma in verità, gli uomini della Terra disconosceranno ancora per poco tempo, la verità che John Kennedy seminò negli uomini di buona volontà...”
Riferendosi a Giovanni XXIII, Eugenio Siragusa pubblicò nel suo bollettino una serie di affermazioni chiarificatrici :

Il Papa Giovanni XXIII divulgò il terzo segreto di Fatima. Egli fu il messaggero reale di Dio e della Madre del Figlio dell'Uomo, Gesù. Per questa ragione divulgò il messaggio. Nel futuro, sapremmo quello che hanno nascosto su questo atto reale di Giovanni XXIII”.

Il contenuto del messaggio fu divulgato dalle Delegazioni del Centro Studi Fratellanza Cosmica alle porte delle chiese di Roma. Faceva allusione a una terza guerra mondiale che avrebbe avuto luogo nella seconda metà del XX secolo. Il messaggio fu fatto conoscere a livello diplomatico e distribuito attraverso questo condotto alle autorità degli: Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania ed URSS. Questi fatti furono svelati pochi mesi dopo la morte di Giovanni XXIII, ad Ottobre 1963.

video
                                                   J.F.Kennedy Illuminati e Società Segrete


http://www.eugeniosiragusa.it/index.php?option=com_zoo&task=item&item_id=105&Itemid=137
IL FAMOSO DISCORSO DI JOHN KENNEDY 

Il Famoso discorso di Kennedy

video
                                                      J.F.Kennedy fu ucciso per gli Ufo

-
http://www.invasionealiena.com/ufo/articoli-ufo/326-ufo-jf-kennedy-e-gli-alieni.html
J.F.KENNEDY AVEVA PRONTO UN DISCORSO STORICO INCREDIBILE PER INFORMARE IL POPOLO STATUNITENSE MA ANCHE TUTTI GLI ALTRI POPOLI. ECCO IL TESTO, MAI PRONUNCIATO IN PUBBLICO.


Dal cielo alla terra
Il mondo piange per la morte d’un uomo forte e buono, che il male ha schiantato.
Io piango per il mondo che piange, e per colui che di questo grande male fu lo strumento.
Oh! Figli miei! A che cosa conduce l’odio tra fratelli, la disarmonia della vita, l’orgoglio e l’egoismo degli uomini! A che cosa conduce una dottrina umana che non ha per base l’amore, e per faro gli occhi del padre! E ove il padre non frapponesse fra voi e il male lo schermo della sua onnipotenza nel mio amore e nel vostro amore, chi mai, tra i migliori, oggi sarebbe salvo?
Ma io vi dico che anche dall’universale dolore e pianto per questo strazio di una vita preziosa, il padre saprà suscitare un universale sentimento verso la pace e la fraternità.
Vi benedico.
E a coloro che credono e non credono, o restano ancora perplessi davanti a fatti dolorosi e imprevisti, dico che ancora è necessario testimoniare la verità, col sacrificio della propria vita.
Così è avvenuto per colui che una mano omicida ha troncato.
Così avverrà ancora per altri.
Ma, in verità vi dico che i loro spiriti sono e saranno nella gloria del padre mio, perché per amore di giustizia si sono mossi, e per riconoscimento di divina fraternità hanno bene operato sulla terra.
Figli non dite: oh giovane vita spezzata! Ma dite: oh! Grande spirito che sei tornato al padre, dopo aver compiuto la tua missione di luce!
Così dovete giudicare chi cade per la causa di dio e dell’umanità
Il martirio raccoglie cordoglio, ma pur raccoglie consensi di riconoscimento per l’uguaglianza fraterna e amore di tutti i miei figli.
Ecco il valore di una morte nella luce della redenzione.
Dal cielo alla terra
Il verbo cristico
EUGENIO SIRAGUSA

Catania, lì 23 Novembre 1963
Dal Cielo alla Terra
O uomini: È possibile che ancora vi ostiniate a non comprendere che questo è il tempo del signore e delle sue divine rivelazioni?
È possibile che ancora vi ostiniate a rimanere sordi agli angeli dei cieli che parlano con un linguaggio di celeste giustizia?
È mai possibile che non comprendiate ancora che il regno dei cieli promessovi dal figliolo di dio è già dietro le porte di questo tempo?
Perché tanta cecità nei vostri occhi, da non vedere l’opera della potenza dello spirito santo?
La Giustizia e l’Amore del Padre sono sulla Terra!!!
"Razza di vipere griderebbe ancora la voce del cielo nei deserti della terra."
John Kennedy, fu angelo di verità, fu angelo di giustizia, fu angelo d’amore e di pace celeste mentre voi, ingordi e ribelli figli dell’anima umana non l’avete compreso!
Il suo aperto, sincero e fraterno sorriso è stato serrato dalla gelida mano sanguinaria del male che si annida nei vostri cuori, aridi di amore e duri di pietà e comprensione spirituale!
Una stella del cielo si è aperta sulla terra, lasciando una scia luminosa di luce purissima di verità e di amore universale!
Egli non è più in terra, ma la sua grande missione la compì il giorno 20 settembre del 1963, quando, dinanzi ai delegati delle nazioni unite disse:
"concittadini di questo pianeta: salviamo il mondo dalla distruzione e dalla fame."
Chi in verità comprese la luminosa espressione rivelatrice del tempo di tutti i tempi? Chi, degli uomini che l’ascoltarono sentì nell’anima sua che egli in quel giorno ed in quell’ora interpretò la voce eterna dell’anima universale?
Ma voi, uomini distolti, come in verità siete, da interessi egoistici, animati, come in verità siete, di spirito di dominio, di vendetta, fornicatori di guerre, di distruzioni, di lutti e di dolori, non l’avete capito! Non avete capito che in quel giorno ed in quell’ora che egli disse: "concittadini di questo pianeta", oltre ad essere figlio della terra era divenuto figlio dell’universo, figlio della verità eterna, figlio della fiamma soave del verbo di Dio, padre dolcissimo e misericordioso.
Egli in quel giorno ed in quell’ora era già con dio e con i suoi angeli per amore del prossimo suo in pena.
Ma, in verità, gli uomini della terra sconosceranno ancora per poco tempo la verità che, John Kennedy seminò nel cuore degli uomini di buona volontà, con il suo coraggio, con la sua fede e con il suo infinito amore fraterno.
È questo il tempo del signore!
Guai! Guai! Guai! Ai fornicatori del male se essi non si saranno in tempo ravveduti. Guai! Guai! Guai!
Dal cielo alla terra
In fede
Eugenio siragusa
Catania, lì 27 Novembre 1963.
Ore 11:30
                              Omicidio Kennedy Chi voleva la morte del presidente? Parte 1

I MOSTRUOSI INTERESSI DELLA SANGUINARIA MACCHINA BELLICA,
SONO GLI UNICI VERI NEMICI DELLA PACE DEL VOSTRO MONDO!
I veri fautori dei terribili delitti e della mortale distruzione che imperversano sulla terra e che vi procurano dolori e sofferenze, sono quei figli degeneri dell’anima umana che manovrano la sanguinaria scienza della macchina bellica del vostro mondo!
Chi, in verità, vuole la pace, la giustizia e il bene tra i popoli della terra e si rende valido assertore dei valori fisici e spirituali, intesi a raggiungere l’abolizione dell’azione mortale, distruttrice e fratricida della diabolica forza, urta inesorabilmente con i malvagi e tetri interessi che, per vostra grande disgrazia, hanno nelle loro velenose spire l’egemonia del potere economico, politico, scientifico e militare del vostro mondo!
Per questi figli del male, vampiri del sangue fraterno, la pace è un a loro acerrima nemica, perché in contrasto con la loro bassa ed avida sete di dominio, di vendetta e di morte!
La guerra e l’odio, la persecuzione e la vendetta sono la loro vitalità, il loro nero sangue, il loro unico scopo di vivere!
John Kennedy, sarebbe ancora vivo se non si fosse scagliato contro l’avversa coscienza con tutta la saggezza e il coraggio dell’anima sua! Molti altri generosi figli dell’anima umana, sono caduti ed altri cadranno sotto i colpi demoniaci di questa forza malefica!
Gesù cristo, figliuolo di dio, fu flagellato e crocifisso per aver insegnato al prossimo suo l’ideale celeste sentiero di amore, di giustizia e di pace.
Là, dove la verità porta in seno suo la luce del bene, predicato e desiato da miliardi di anime, là vi sono gli uomini senz’anima, brutali spiriti degeneri, sicari senza cuore e senza coscienza, pronti ad occultarla, a seminare negazione, discordia e quant’altro è utile ed efficiente a velarla agli occhi dei giusti e dei mansueti, desiderosi di amare e di vivere in pace con dio.
Spesso succede, che uomini di buona volontà perdano la fede, lasciandosi trascinare nella melmosa voragine di quest’arte diabolica.
Sono molti, in verità, i terrestri che si rendono ciecamente complici dei loro delittuosi disegni, tendenti a dividere le anime, a renderli aridi di fraterno amore, di verace giustizia!
Comprendetelo una buona volta! Comprendetelo!
L’anima avversa agita allettanti e falsi vessilli, per trarvi in inganno! La discordia, l’egoismo, l’odio, la vendetta, le orge sfrenate il desiderio di guerreggiare, sono le armi più potenti con cui feriscono, indeboliscono e dominano le vostre anime!
Non lasciatevi sorprendere!
Ricordate, ricordate, ricordate ora e sempre:
dio è pace e amore. È bene incommensurabile. È eccelsa armonia e giustizia. È carità. È felicità dello spirito e del corpo. È unità sublime di anime illuminate, amanti l’una dell’altra.
Dio, è sola fonte di divino bene paradisiaco!
Ricordate! Ricordate uomini della terra e non dimenticatelo mai! Mai! Mai! Per questa grande consapevolezza i migliori figli di dio si sono immolati con il dolce e sereno sorriso sulle labbra, e in verità, questo fece papa giovanni xxiii, questo fece John fitzgerald Kennedy, questo faranno altri, assertori irriducibili dei valori universali dello spirito eterno!
Noi guardiamo atterriti, addolorati di questa vostra immaturità, ma non muti, né insensibili, perché ancora una volta vi diciamo:
figli della terra, unitevi in pace con Dio, amatevi gli uni e gli altri come fratelli con giustizia, pace e amore e gettate in fondo agli oceani la materia che vi opprime e vi nega il diritto di entrare in gloria nella grande e beata famiglia universale!
Lottate! lottate! Lottate contro il male, contro le ingiustizie, contro gli odi, contro chi vi toglie il diritto di vivere ed evolvere in serena armonia con le leggi celesti.
Questo è vostro compito, vostro volere, vostro diritto di Figli di Dio!
Nessuno, nessuno tranne voi può farlo, perché, in verità, voi siete i soli arbitri del vostro destino sulla terra!
Voi siete liberi di scegliere: o con dio a contro Dio!
Il cielo vi guarda e vi assiste.
Dal cielo alla terra
In fede
EUGENIO SIRAGUSA
Catania, 28 Novembre 1963
Ore 10:00

DAL CIELO ALLA TERRA
DALLA TERRA ALLA DILETTA FAMIGLIA KENNEDY
ORA SONO TRE I GIGANTI DELLO SPIRITO DI DIO CHE, NELLA LUCE DELLA ETERNA VERITÀ, LOTTERANNO AL NOSTRO FIANCO PER FERMARE IN TEMPO IL MALE DILAGANTE CHE SERPEGGIA NELLE ANIME E NEI CUORI DEGLI UOMINI DI QUESTO MONDO.
SIATE LIETI NEL NOME DEL SIGNORE, SPIRITI VIVENTI E CARI ALLA LUCE CREATIVA, PERCHÉ È VERO, CHE I VOSTRI FIGLIUOLI SONO TRA I VIVENTI IN CRISTO E LIBERI, LIBERI DAVVERO.
IL CIELO LI HA VOLUTI LIBERI E VIVENTI IN CRISTO, AFFINCHÈ LA LORO SUBLIME OPERA DI FRATERNO BENE UNIVERSALE SCENDESSE NEI FUTURI GIORNI DALL'ALTO, DAL LUOGO DA CUI I GIUSTI, I PACIFICI ED I MANSUETI FIGLI DELL'ETERNO, IRRADIANO NEL MONDO DEI MORTI LA SPERANZA DELLA SALVEZZA NELLA RISURREZIONE DELLA CRISTICA VERITÀ.
SIATE LIETI E GIOITE, PERCHÉ, IN VERITÀ, LA LORO OPERA CONTINUA NEL SILENZIO E I LORO NEMICI LA VEDRANNO TRIONFARE NEL NOME DI COLUI CHE È L'ISPIRAZIONE DIVINA DELL'AMORE PIÙ GRANDE DI TUTTI GLI AMORI.
LE DURISSIME PROVE CHE GRAVITANO SU GLI EMPI E SU QUESTA GENERAZIONE TURPE E SANGUINARIA, SONO APPESANTITE DAL SANGUE GENEROSO DEI GIUSTI, DEI VERI E SPLENDENTI GIOIELLI DI DIO CHE SI SONO IMMOLATI PER AMORE SUO E DEL SUO PROSSIMO NEL TENTATIVO DI SALVARE LE ANIME E LE COSE DEL MONDO DAGLI ARTIGLI DELLA "BESTIA".
GLI UOMINI DELLA TERRA NON HANNO ANCORA UNA VOLTA COMPRESO L'ALTA, ISPIRATA E DIVINA MISSIONE DI QUESTI SPIRITI SOLARI.
NON HANNO COMPRESO CHE LA LOTTA DEL BENE CONTRO IL MALE È AL SUO EPILOGO!
NON HANNO COMPRESO CHE IL "FUOCO PURIFICATORE È PRONTO A RIVERSARSI SU OGNI ANGOLO DELLA TERRA!"
"QUEL TEMPO, IN VERITÀ, È PROSSIMO A VENIRE, ED È VERO, CHE I VIVI INVIDIERANNO I MORTI PER QUELLO CHE I LORO OCCHI DOVRANNO VEDERE."
ABBIATE LA PACE NEI VOSTRI CUORI E LA CONSOLAZIONE DELLA LUCE CRISTICA DELLE VOSTRE ANIME. QUESTO È IL TEMPO DEL SIGNORE. È STATO SCRITTO.
LA LUCE DELLA NOSTRA UNIVERSALE E FRATERNA BENEVOLENZA, RIPOSI SOAVISSIMAMENTE NEI VOSTRI CUORI.
DAL CIELO ALLA TERRA
PER I FIGLI DELLA FIAMMA
EUGENIO SIRAGUSA
Catania, 07 Giugno 1968
Ore 10:00

                               Omicidio Kennedy Chi voleva la morte del presidente ? Parte 2


La storia ci ha insegnato che tutto ciò che accade molte volte è sotto l'insegna che niente succede per caso.


E' così fu per un giovanissimo Bill Clinton, che strinse allora la mano al Presidente Kennedy, per riceverne l'eredità presidenziale, e allo stesso tempo l'interesse per la Realtà più importante del nostro tempo: GLI UFO CON GLI EXTRATERRESTRI   

                La Stampa Italiana da risalto all'iteresse di Bill.Clinton sugli UFO

A colloquio con WILLIAM SHERWOOD. RICORDANDO GEORGE ADAMSKI
Molto bello e ricco di emozioni l'incontro con i coniugi Sherwood che furono tra i collaboratori più vicini a George Adamski, il più noto “contattista” del mondo, insieme ad Eugenio Siragusa. Di Adamski si parla da anni per il suo contributo essenziale alla conoscenza della tematica extraterrestre. Le sue esperienze hanno fatto il giro del mondo attraverso i suoi libri, famosi anche in Italia, le sue fotografie e i filmati relativi ai suoi incontri. Con i coniugi Sherwood  si è conversato a lungo con molta affabilità e con spirito di fraterna comunione. Molte cose espresse da Adamski sono contenute anche nell'opera di Eugenio e questo non poteva non suscitare una profonda stima reciproca. Qui di seguito trascriviamo una sintesi di questo colloquio. Le domande  sono rivolte per lo più al Sig. Sherwood.
  • Come ha conosciuto George Adamski?
  • Gli scrissi nel 1955 in California dove risiedeva dopo aver letto i suoi libri “I dischi volanti sono atterrati” e “A bordo dei dischi volanti”. Nella lettera gli avevo posto numerosissime domande così che lui mi propose d'incontrarci a New York in occasione di un suo viaggio per il giorno 11 settembre 1955. Cosa che avvenne nel suo albergo dove parlammo per lungo tempo.
  • Quale fu la sua prima impressione incontrandolo?
  • Notai che era un uomo molto gentile e garbato. Aveva avuto delle esperienze uniche, tuttavia fu molto disponibile e felice di parlarcene. Organizzammo un gruppetto di persone e lui parlò con noi per ore e ore con molta pazienza.
  • Che cosa la convinse che in effetti si trattava di un “contattista” come affermava?
  • È difficile parlare di una cosa specifica, furono più cose. Come ad esempio le analisi delle sue fotografie effettuate nei laboratori della Eastman Kodak Company. Con la mia esperienza in ingegneria ottica e fisica ero qualificato per questo tipo di analisi. Così esaminando queste sue foto, e comparandole poi con altre foto scattate da altre persone in altri Paesi, mi convinsi della loro autenticità. E poiché non erano oggetti terrestri, non potevano che essere extraterrestri. Inoltre mi convinsi che fosse una persona integra, onesta e verace dopo aver fatto moltissime domande a lui e a coloro che lo conoscevano, scrivendo poi ad altri che nel mondo avevano avuto esperienze simili alla sua. Infine mi convinsero anche gli eventi che si succedettero tra il 1955 e il 1965 (anno della sua morte).
  • Cos'è la cosa più importante che ha imparato da George adamski?
video

  • La cosa più importante che mi trasmise è che l'Universo è popolato da esseri non dissimili da noi, con alcune varianti dovute al diverso grado evolutivo. È la conferma di una conoscenza che già esisteva da millenni, e cioè che la Terra è un piccolo granello nell'Universo. Mi disse: “Se pensiamo che su altri pianeti, come su Venere, non ci siano le condizioni adatte alla vita umana, cosa sappiamo noi delle altre dimensioni?” George mi rivelò l'esistenza di vibrazioni superiori alle vibrazioni da noi conosciute e vibrazioni tangibili che egli paragonò alle vibrazioni della luce. Ad esempio lo spettro: da una parte l'ultravioletto e dall'altra l'infrarosso. E uno spettro tangibile anche nell'atomo. Lui era cosciente di altre tangibilità invisibili la cui possibilità di contatto con noi riportava a tutta la storia religiosa di angeli provenienti da altri luoghi e creature demoniache da altri ancora. L'Universo era più complesso di quanto potessimo immaginare e George me lo rivelò parlandomi di questo tipo di Universo, pieno di vita, di possibilità e sviluppi evolutivi in tutte le frequenze, tangibilità, visibilità e mobilità che non avevo mai realizzato prima. Una volta mi scrisse che la vita di un uomo è più importante di tutti i mezzi aerei dell'Universo. Questo era George Adamski, colui che aveva fatto un ottimo lavoro nel fotografare le navi spaziali provenienti da altri parti dello spazio, però così interessato alla vita di ogni uomo e alla sua evoluzione.
  • George Adamski è seppellito nel cimitero nazionale di Arlinghton, il cimitero degli eroi. Cosa pensa lei di questa onorificenza?
video
  • Innanzitutto egli fu un soldato della Prima Guerra mondiale in servizio per tre anni. Chiunque abbia prestato servizio nell'esercito è qualificato, sotto richiesta della famiglia, ad esservi seppellito. Ma egli fece anche una cosa molto difficile: mantenere una linea di comunicazione tra gli extraterrestri e il nostro governo. Questo verrà fuori negli anni a venire e sarà apprezzato. Ciò che più ammiravo in lui era la sua capacità di mantenere un segreto. Consegnò il suo messaggio a quei livelli che erano circondati dall'ufficialità, ma anche nei ranghi ecclesiastici egli svolse un ruolo molto importante. Egli rivelò un messaggio vitale a Papa Giovanni XXIII per il quale, in seguito, ci fu un Consiglio Ecumenico. So di questo grazie a coloro che erano presenti quando lui andò in Vaticano e parlò con il Papa, ritornando successivamente con una medaglia preziosa, suo dono personale. La medaglia si trova in Svizzera in una Università. Tutto ciò fa parte della figura di questo personaggio. George era un uomo integro che la maggior parte degli uomini non conosceva. Era di umili origini ed autodidatta, ricettivo alle nuove idee che la maggior parte della gente trovava inusuali con ciò che era la loro istruzione scientifica, religiosa o altro. Egli soffrì molto a causa di questo suo credo non condiviso dalla massa. Dal giorno della sua nascita fino al giorno della sua morte egli mise se stesso a rischio.
  • Quale fu, in particolare, la sua missione?
  • Da Hans Peterson, della Danimarca, il quale lo conosceva benissimo, appresi che George era riuscito a consegnare un messaggio da parte di esseri dello spazio che riguardava l'incremento di armi da parte della Russia a Cuba nell'ottobre del 1963. In seguito il nostro governo – certamente fu kennedy a richiederlo – fece una ricognizione aerea rilevando un aumento delle installazioni missilistiche con testate nucleari a Cuba. L'urgenza di detta ricognizione aerea fu sicuramente una conseguenza del suo messaggio.
  • Le rivelò mai della presenza di diversi alieni tra di noi?
  • Sì, mi confidò che esistevano diversi alieni tra di noi che si facevano passare per terrestri. Mi mostrò le foto di alcuni di loro che portava con sé nel portafoglio. Mi disse che ne esistevano migliaia non solo negli Stati Uniti, ma anche in altre nazioni.
  • L'ultimo libro di George Adamski è “Addio dischi volanti”. Significa che secondo lui si era conclusa la loro missione sulla Terra?
  • George non volle significare addio per sempre, ma per un certo periodo di tempo. Io credo che i piloti dei dischi volanti siano da sempre con noi. Credo che vengano soprattutto nei momenti in cui l'umanità ha più bisogno di loro. E questo che stiamo vivendo è uno di quei momenti in cui ci siamo sviluppati in fretta tecnologicamente, ma non abbiamo tenuto lo stesso passo nei nostri rapporti sociali. E il risultato è disastroso. Ecco perché è divenuta assolutamente necessaria una guida illuminata extraterrestre che si mostri in questo momento della storia umana. Ma il loro compito principale è sempre stato quello di gettare i semi della loro presenza tra un numero di persone integre che avrebbero creduto in loro e mostrato le prove della loro realtà. Ora ciò che sta succedendo è una crescita e una conoscenza maggiore dell'argomento nel pubblico. C'è una diffusione di informazione che si sta aprendo sempre di più. È certamente una situazione positiva.
  • Qual'era la visione di George Adamski sul futuro dell'umanità?
  • La sua speranza era che si producesse un graduale apprendimento della realtà dell'Universo popolato e delle creature progredite in esso viventi. Una valutazione più elevata del ruolo universale dell'umanità nel cosmo. Siamo solo all'inizio di questa presa di coscienza. Tutti gli uomini illuminati del nostro tempo realizzano che prima di ogni cosa siamo planetari. George Adamski ha cercato di facilitare la comprensione di questa verità, parlando della realtà di altri esseri evoluti, sia spiritualmente che in ogni senso, che ci visitano.
  • Che tipo di ammonimento ci hanno dato che riguarda l'autodistruzione dell'umanità?
  • L'ammonimento, riguarda l'inquinamento a causa del quale si è resa difficile la vita sulla Terra. Certo, non c'è bisogno che ce lo dicano gli esseri dello spazio: molti esperti hanno raggiunto la medesima conclusione. Però loro, con gli strumenti avanzati che possiedono, sono in grado di prevedere e darci garanzia della nostra autodistruzione se persevereremo con i nostri atti irresponsabili. Comunque c'è qualcos'altro di cui tener conto, e cioè che la Terra ha il potere di autorinnovarsi, tramite lo spostamento periodico del suo asse. Tutto ciò è già accaduto in passato. Certo non sappiamo quando l'asse si sposterà ancora, ma gli esseri spaziali hanno detto che nel futuro questo potrebbe verificarsi. E dovremmo prepararci a questa evenienza. George mi disse che esisteva uno sviluppo naturale armonico e che avremmo dovuto renderci conto dei benefici che traiamo da tutte le risorse del pianeta. Potremmo creare il paradiso sulla Terra se ci impegnassimo con coscienza e responsabilità alla sua evoluzione e al suo divenire.
    NONSIAMOSOLI Gennaio-Giugno 1995
Una delle prove del contatto di Adamsky, fu la fomosa comparazione degli "antichi segni grafici" ritrovati nel 1963 nella Pierta Pintada in Brasile dal Prof. Marcel Homet, risalenti a più di 10.000 anni fa e gli "ideogrammi" consegnati dal venusiano al contattato americano, due mesi dopo il loro primo incontro avvenuto nel 1952.                                                                                                                                     
       
                     
                                                       Foto per gentile concessione di J.J.Benitez


                                                                                                                                                                                                                                                              Abbraccio Tutti 
                                                                            Filippo Bongiovanni                                  


Approfondimenti:
http://solexmalarchivio.jimdo.com/l-annunciatore/?logout=1
L'ANNUNCIATORE
http://solexmalidiomauniversale.blogspot.it/2013/10/eugenio-siragusa-parla-coimbra.html
Eugenio Siragusa parla a Coimbra (Portogallo) nel 1994 sul segreto di Fatima e le Profezie di Papa Giovanni XXIII
JOHN F. KENNEY E GIOVANNI XXIII: Gli aiuti ufologici di Peregohttp://lombardimistero.wordpress.com/2011/12/06/george-adamski-e-giovanni-xxiii-nuovi-elementi-sugli-enigmi-del-vaticano/
GEORGE ADAMSKI E GIOVANNI XXIII: Nuovi elementi sugli enigmi del Vaticano
http://www.freerepublic.com/focus/chat/2256478/posts
Did President Kennedy meet extraterrestrials?
http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.bibliotecapleyades.net/ciencia/ciencia_flyingobjects71.htm&prev=/search%3Fq%3DGeorge%2BAdamski%2Be%2BJ.F.Kennedy%26biw%3D1264%26bih%3D664
J.F.Kennedy e G.Adamsky a colloquio sulla crisi di cuba
http://translate.google.com/translate?depth=1&hl=it&prev=/search%3Fq%3DGeorge%2BAdamski%2Be%2BJ.F.Kennedy%26biw%3D1264%26bih%3D664&rurl=translate.google.it&sl=en&u=http://www.examiner.com/article/did-president-kennedy-meet-extraterrestrials
Il presidente Kennedy incontrato gli extraterrestri?
ALTRI PRESIDENTI DEGLI STATI UNITI INCONTRARONO GLI EXTRATERRESTRI
..."Gli extraterrestri intervennero per la stessa ragione, durante la crisi di Cuba. Nel 1963 l’allora presidente degli Stati Uniti, Kennedy e il leader sovietico Kruscev entrarono in disaccordo per l’installazione dei missili sovietici nell’isola di Cuba, per cui gli Stati Uniti minacciarono di utilizzare ordigni nucleari.
Come per miracolo, infatti, i missili vennero smantellati e rispediti in Russia e il presidente Kennedy dette prova di un profondo cambiamento nel suo discorso all’ONU tenuto il 20/9/1963 quando esclamò; “Concittadini di questo pianeta! Salviamo il mondo dalla distruzione e dalla fame”.
Effettivamente il Presidente Kennedy e il Presidente Kruscev furono visitati dagli extraterrestri e su loro iniziativa venne applicato il “Patto Rosso” tra Mosca e Washington per evitare guerre atomiche.
L’incontro di queste entità aliene con Kennedy sarebbe avvenuto il 24 marzo 1963 quando nella base di Edward, in California, atterrò un disco volante dal quale scesero due esseri chiedendo di lui. Questi, subito informato, vi giunse il giorno dopo, il 25 marzo(*) 1963 ed ebbe con loro un lungo colloquio"...
Giorno della nascita di Eugenio Siragusa(*)

                                             NONSIAMOSOLI Gennaio-Giugno 1995




                                     Notiziario Ufo N°60 Dic.2005 Genn.2006
Fortunatamente non esistono scadenze, quando bisogna fare dei chiarimenti e delle precisazioni su alcune dichiarazioni infamanti e sulle delle affermazioni privi di fondamento.
Fortunatamente il tempo è più galantuomo degli uomini, e andare a leggere quello che prima si è detto ed espresso sul conto di un uomo, poi con il tempo rivisto, senza scusarsi pubblicamente, certo dovrebbe far riflettere tutti.
Iniziando da come non è mai stata portata avanti nessuna concreta riconducibilità con Eugenio, ma solo FALSITA', sulla faccenda dei coniugi Patanè, e la perdita della loro bambina. Una diavoleria della stampa di allora, un puro atto di follia inventata,che stava dentro il piano di eliminazione morale verso i suoi confronti, sgonfiatasi come una bolla di sapone, infatti neanche fu presa in considerazione al processo, che lo vide assolto a formula piena (*)
Chi è Eugenio Siragusa

Leggete e fate le vostre conclusioni, tenendo conto che alla fine abbiamo visto e presentato chi è il vero opportunista, agente del discredito e venditore di false informazioni.
Particolarmente da George Adamsky, non abbiamo mai avuto dichiarazioni negative su Eugenio Siragusa, né direttamente da parte sua, né da suoi amici studiosi, simpatizzanti, seguitori. Quindi non sappiamo da quale “cilindro” li abbia tirato fuori queste sue false informazioni il “Pinotti”. Visto e considerato di come si è costruita la sua credibilità, lascia molto a desiderare e da pensare dinnanzi ai fatti e ai cambi di rotta su Eugenio. Avete letto inizialmente il pensiero di Pinotti, e sapete quello che da sempre ha affermato Eugenio, sulla realtà extraterrstre, adesso è tesoro di “Roberto Pinotti”, sembra letteralmente che leggesse le sue dichiarazioni.

http://famiglieditalia.wordpress.com/2010/07/02/alieni-si-avvicina-la-data-del-grande-incontro/

Roberto Pinotti:
"Gli extraterrestri esistono. Abitano in sistemi solari diversi dal nostro, ma riescono a raggiungerci attraverso il volo interstellare. Sono intelligenti, tecnologicamente avanzatissimi e di migliaia di anni più vecchi noi. Roberto Pinotti è il Segretario Generale e il fondatore e Past President del CUN, il Centro Ufologico Nazionale operante in Italia dal 1966, ne dirige il mensile Ufo Magazine diffuso in edicola da 1995 ed è direttore della rivista Area di Confine (Acacia Edizioni) sembra non avere dubbi al riguardo: “Non è una novità, – spiega il sociologo – i governi lo sanno e anche la Chiesa ha manifestato aperture all’esistenza di forme di vita extraterrestri, come nel caso della recente conferenza internazionale di bioatronomia a Roma in cui rappresentanti del Vaticano hanno sostenuto come gli alieni siano la prova ulteriore della potenza di Dio e che debbano essere considerati nostri fratelli nel cosmo”… Ma allora perché tenerlo nascosto? “Accettare forme di vita extraterrestri significa essere pronti a un cambiamento radicale. A giudicare dagli studi scientifici effettuati fino ad oggi sugli oggetti volanti non identificati (OVNI) meglio conosciuti come UFO emerge non soltanto l’esistenza di civiltà stellari, ma anche la loro intelligenza e il loro avanzatissimo potenziale tecnologico. Mettersi a confronto (anche pacifico) con esse, significa per forza di cose affrontare uno choc culturale che implicherebbe da un lato la perdita della fiducia verso i leader esistenti che apparirebbero impotenti e privi di potere confronto alle entità aliene e dall’altro un possibile processo di emulazione o identificazione con queste civiltà “.
( Fonte: Affari Italiani.it )

Mentre noi, si possiamo attestare un pensiero colto direttamente ed espresso da Eugenio su Adamsky e peraltro positivo, dall' altra parte, chi si propone di citare affermazioni di Adamsky sul conto di Eugenio, sono illazioni, supposizioni mai riscontrate, e messe in bocca per screditare, facendo gioco, che non si sarebbe mai potuto verificare nulla, per questioni cronologiche e sulla serità degli interessati.

Dal libro: Siragusa l'Annunciatore di Victorino del Pozo

http://solexmalarchivio.jimdo.com/l-annunciatore/?logout=1

Un giornalista chiede ad Eugenio:
«E’ vero che George Adamski, prima di morire, ritrattò tutto quanto aveva detto e
fatto in vita?»

Eugenio Siragusa rispose:
«Io attesto che George Adamski non ha negato nulla di quello che ha vissuto, né ha
ritrattato niente in assoluto prima di morire. Se lo avesse fatto,il Governo Americano non lo avrebbe sepolto nel cimitero di Arlington, sulla collina degli eroi del suo paese”

Mi spingo oltre, e a titolo personale...Qualora domani dovesse venire fuori, una simile affermazione di George Adamsky, nei confronti di Eugenio Siragusa, non certamemente per la sua provata fondatezza, come abiamo vsto nei suoi confronti, scopriremmo “un motivo in più” perché è stato sepolto nel cimitero di Arlington sulla collina degli eroi del suo paese.


Filippo Bongiovanni






-Qualche mese addietro, in un un convegno ad Ascoli Piceno, dove si parlava dell'opera di Eugenio Siragusa

"La Madonna a Fatima aveva Profetizzato che i vivi invidieranno i morti.
Ed è interessante ricordare la frase di una lettera pubblicata, che Jacqueline Kennedy aveva inviato a Kruscev in cui tra l’altro dice “… Gliela sto inviando solo perché so quanto mio marito fosse preoccupato per la pace e quanta importanza avessero i rapporti tra di voi in questo suo assillo. Citava spesso, nei discorsi, queste sue parole: - Nella prossima guerra " i vivi invidieranno i morti ”.
Domandiamoci: allora Kennedy conosceva il terzo segreto di Fatima! E Jacqueline ne dà la testimonianza. Infatti Eugenio ci aveva detto che Papa Giovanni XXIII lo aveva spedito a Kennedy, Kruscev ed altri, e che per questo la guerra di Cuba non c’è stata..!"

Abbraccio TUTTI...
                                                                                                                  


                               

3 comentarios:

  1. http://www.noiegliextraterrestri.it/2011/04/lassassinio-di-jfk-e-collegato-al-suo.html
    L'ASSASSINIO DI JFK E' COLLEGATO AL SUO INTERESSE UFO?

    ResponderEliminar
  2. http://terrarealtime.blogspot.it/2015/05/i-documenti-segreti-sullassassinio-di.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+TerraRealTime+(TERRA+REAL+TIME)
    I documenti segreti sull’assassinio di Jf Kennedy che fanno tremare la Cia

    ResponderEliminar
  3. http://www.segnidalcielo.it/interazioni-umani-alieni-lincredibile-storia-di-papa-giovanni-xxiii-e-lincontro-con-gli-alieni/
    INTERAZIONI UMANI-ALIENI: L’INCREDIBILE STORIA DI PAPA GIOVANNI XXIII E L’INCONTRO CON GLI ALIENI

    ResponderEliminar