viernes, 1 de marzo de 2013

" La Politica "

Si sono chiuse da poco le Elezioni Politiche Nazionali nel nostro paese.
Qualcuno si è sbizzarito a chiedermi qualcosa, cercando di involucrarmi, sono stato al gioco ed ho accettato la provocazione.

Aldo da Roma:

Filippo, si dice e si fa un gran parlare che molti di voi, di te poi alla fine, perché hai dichiarato che non fai parte di nessun movimento politico, non sei "politico", alla fine però sappiamo che tutto porta ed è politica..! Cosa mi dici in merito?
Supponiamo invece che sei un politico, che ti fosse data l'opportunità di dover esprimere o avessi una possibilità di tracciare un intervento, che cosa consideresti d' importante, magari se fossi un consigliere di un comune, partiamo da un piccola realtà per arrivare ad una più grande.

Filippo:
Una volta chiesero ad Eugenio la stessa cosa...:

D)
“Perché dice di non essere “politico” se tutto è politica?”

R) “Se voi dite che anche Cristo ha fatto politica, ebbene, io sono il suo primo assertore. Ma
badate alle sofisticazioni delle leggi trattate in mille guise e in mille modi, perché vi è una
filosofia della mente che oggi è molto avanzata, mentre la vera filosofia è antica ed è quella
dello Spirito, è l’Amore per la Conoscenza".

Il suo messaggio, la sua risposta la faccio mia e aggiungo:

La politica che praticate

No, amici terrestri!
La politica che praticate produce esasperazione, odio e quant'altro di negativo, questa, è capace di fermentare. La politica deve essere corroborata dalla Giustizia che vi è stata insegnata: "quella del Vangelo". Non vi sia ricchezza e non vi sia povertà. Ripetiamo ancora una volta: Vi sia il necessario per tutti, il superfluo per nessuno.
Questa è la politica che pratichiamo nei nostri mondi e che ci concede Serenità, Pace, Amore e Fratellanza. I nostri progressi spirituali, materiali, morali e scientifici sono frutti che scaturiscono da una politica incorruttibile, carica dei più evoluti concetti dei Valori Universali e corroborata da una Coscienza che travalica ogni senso egoistico.
Tutto il bene che il nostro lavoro edifica viene messo, con uguale misura, al servizio e a disposizione di tutti, nessuno escluso.
Le conoscenze della nostra scienza servono, esclusivamente, ad edificare un sano e salutare progresso.
Le risorse dei nostri mondi vengono sfruttate, ma non depauperate né coercite nel loro vitale processo rigenerativo.
No, amici terrestri!
La politica che praticate è deleteria ed il suo terminale altro non produrrà se non il caos.
Pace.

Woodok
Nicolosi, 16 Dicembre 1976
ore 11,20




Poi aprirei così un mio intervento, in una sala politica, ed esporrei le mie  idee



Gli uomini passano
le idee restano,
restano le loro tensioni morali
e continueranno a camminare
sulle gambe di altri uomini.
Giovanni Falcone

Gentili Elettori, voi siete il popolo e detenente un grande potere, quello di eleggere il vostro futuro. Sono pienamente convinto che questo è il momento di dare forza al Cambiamento. E' il momento di fare emergere una classe dirigente che sappia interpretare e governare con saggezza e competenza le esigenze dei Cittadini . 

            Ecco alcune proposte che mi permetto di sottoprre alla vostra attenzione  
  • Istituzione di un centro ospedaliero degno di un immediato intervento e per le cure di rapida soluzione.
  • Interventi sui quartieri che da anni vivono una condizione di degrado sociale ed igienico-ambientale.
  • Potenziare le strutture tecnico-informatiche e valorizzare il personale del Comune che merita solidarietà ed impegno.
  • Abbattimento delle barriere architettoniche nei pubblici uffici ed iniziative a favore della disabilità.
  • Riqualificare il centro storico.
  • Interventi per l'agricoltura e rivalorizzazione dei prodotti tipici locali 
  • Ristrutturazione delle trazzere e delle stradelle delle campagne adiacenti alla città.
  • Procedure di esproprio per l'ampliamento del cimitero comunale.
  • Completamento e contrattualizzazione del personale dei lavoratori socialmente utili (L.S.U.).
  • Migliorare e potenziare la refezione scolastica.
  • Promuovere l'attività sportiva come condizione essenziale per la crescita giovanile.
  • Intervento per la protezione civile e la salvaguardia ambientale.
  • Curare il verde pubblico della città e nella zona nuova se non esiste.
  • Abbattimento delle tasse sui terreni agricoli.
  • Affidento gratuito ai privati dei terreni comunali incolti ed abbandonati.
Queste le proposte al servizio della città e per un progresso senza avventure. 

                                                      "una politica nuova”

Filippo Bongiovanni ha chiesto alcune iniziative che qui di seguito indichiamo nell'interesse della città:  
  1. L'impegno ad una concreta ed effettiva partecipazione alla vita quotidiana dell'amministrazione comunale della risoluzione dei problemi della città sotto il profilo amministrativo ed operativo dei quartieri  e zone limitrofe per la sistemazione della viabilità, dell'igiene urbana, dei servizi di trasporto e della sistemazione urbanistica dando voce ai bisogni della città.
  2. la necessità di lavorare assieme alle Forze dell'Ordine e della giustizia fiscale, di lavorare contro la corruttela, l'evasione ed i malcostume amministrativo e gestionale.
  3. Affrontare il problema del territorio con la Regione e non consentire che un comune in crescita demografica, possa essere stretto e limitato con altri minori.  
  4. Ristrutturare la rete idrica e sistemare la rete fognante con una raccolta migliore e più organica dei reflui e del depuratore, con annesse infrastrutture operative contro l'inquinamento.
  5. Eliminare l'inquinamento elettromagnetico che comporta conseguenze tumorali a chi abita nelle zone adiacenti alle zone limitrofe.
  6. Aiutare i disabili, i bisognosi gli emarginati adottando le normative esistenti a livello regionale, provinciale e comunale costituendo cooperative adeguati per svolgere iniziative connesse alla Casa del Disabile  che è ben funzionante e adeguata alle loro esigenze.
  7. Costituire i Comitati di quartiere per uno sviluppo sostenibile e integrato per l'intera città in continua espansione affrontare la questione dell'istituzione di Asili Nido e adeguate Scuole materne nelle zone lontane dal Centro storico della città  
  8. Affrontare la politica per i giovani, per l'occupazione, per lo sviluppo e per la ricerca occupazionale e la zona industriale onde evitare che i nostri figli migliori vadano via per guadagnarsi altrove una possibilità di vivere.
       "Per una nuova politica di servizio e sviluppo per  la città"

Filippo Bongiovanni ha evidenziato il bisogno di uscire da un vecchio periodo politico-amministrativo pieno di confusione e contrassegnato da forti contrapposizioni personali, da lotte politiche e da astuzie corrosive, che hanno portato ad un notevole immobilismo istituzionale. Diviene quindi necessaria una svolta nuova, per fare diventare le nostre città di qualità, di novità, di progresso e di sviluppo nei settori di commercio, della finanza, dell' artigianato e della piccola industria, per dare occupazione ai giovani e piena stabilità amministrativa.
Ecco perchè bisogna battersi e chiede di lavorare per i giovani, per la costituzione di una Consulta Giovanile, per un Centro di aggregazione giovanile, per un Centro di formazione giovanile, per una attività di educazione e prevenzione nel settore scolastico come la lotta alla droga, la cultura alla legalità, l'educazione alla pace e alla tolleranza.
Come professionista per le attività del credito e come esperto nel settore, intende impegnare il Comune a farsi carico alle agevolazioni creditizie e facilitare l'accesso al credito mediante forme di collaborazione e convenzioni con il sistema creditizio e con le associazioni di categoria per l'incoraggiamento, l'avviamento e la promozione dell'impresa artigianale, commerciale e piccola industriale che spesso vivono momentanee difficoltà iniziali.

             Inoltre ha proposto tre iniziative da portare avanti che qui indichiamo:
  1. La promozione e l'incentivazione della ricerca, dell'innovazione e del miglioramento della qualità dei progetti artigianali e dei processi produttivi.
  2. La zona artigianale rappresenta ormai una realtà di grande interesse per azione di promozione e sviluppo con consorzi ed imprese associate in concomitanza con il Centro servizi per lo sviluppo commerciale.
  3. Il settore agricolo come area produttiva per attuare processi di valorizzazione dei prodotti attraverso l'introduzione del cosiddetto Marchio di Qualità che consente di differenziare e di rendere riconoscibili i prodotti locali di qualità.
Tutto questo deve porre il Comune come promotore delle iniziative infrastrutturali e dei servizi che debbono collegarsi ad una politica organica di programmazione con gli altri enti come la Provincia, la Regione , il Governo Centrale, l'Unione Europea e con tutte le strutture produttive di risorse finanziarie previste per i periodi relativi negli anni.
Questo è il nostro futuro, questi sono gli impegni che  bisogna assumere per la città e per i  concittadini  

                                                        Il Simbolo dell'Economia Mondiale

Concludo dicendo, che queste sono e saranno sempre le nostre idee che continuano a camminare sulle nostre gambe:

VOGLIAMO RIBADIRE”

CONSIDERATECI UNA COMUNITA' COMPLETAMENTE ESTRANEA ALLA VOSTRA LOGICA DI VIVERE E DI AGIRE.
SIAMO COME CI E' STATO INSEGNATO DI ESSERE DA COLUI CHE CI LASCIO' IL SEGRETO MODO DI RAGGIUNGERE IL VERO SPIRITO DELLA FRATELLANZA E DI PENETRARE GLI ARCANI DELLA VERITA' UNIVERSALE.

NON SIAMO, PER NESSUN MOTIVO, DISPOSTI AD USCIRE DAL SENTIERO CHE CI E' STATO INDICATO DALLA SUPERIORE INTELLIGENZA CHE GUIDA, SORREGGE ED AMMAESTRA, CON LA LOGICA SUPERIORE, LA NOSTRA ASCESA VERSO LA CONOSCENZA DI UNA MIGLIORE COSCIENZA DEI VALORI SPIRITUALI, MORALI E SOCIALI DELLA DIMENSIONE CHE GOVERNA QUELLA IN CUI SIAMO VIVENTI ED OPERANTI.

QUESTO ALTO CONCETTO LO RIBADIAMO, AFFINCHE' NON SFUGGA A NESSUNO LA NOSTRA SALDEZZA IN QUESTO IRREVERSIBILE PROPOSITO. NESSUNO E' OBBLIGATO A SEGUIRCI O A CONDIVIDERE I NOSTRI CONCETTI DI STUDIO DELLE MATERIE A CUI PONIAMO IL NOSTRO ASSIDUO INTERESSE. IL C.S.F.C. E' E VUOLE RIMANERE UN MOVIMENTO DI VALORI CHE ESULANO DA QUELLI TRIDIMENSIONALI GIA' SPERIMENTATI ED ACQUISITI, VALIDI A SPINGERCI VERSO LE PRIME CONOSCENZE DELLA SUPERIORE DIMENSIONE.

SE PER MOLTI PARLIAMO UN LINGUAGGIO STRANO, PREGHIAMO QUESTI DI VOLERCI PERDONARE, MA NOI SAPPIAMO LE METE CHE VOGLIAMO RAGGIUNGERE E SIAMO PERFETTAMENTE CONVINTI CHE LA NOSTRA STRADA E' QUELLA GIUSTA.

OGNUNO PER LA SUA STRADA. NOI PER LA NOSTRA.

LA SEGRETARIA GENERALE DEL C.S.F.C.
Maria Antonietta De Muro


UNA IRREPARABILE CATASTROFE ECONOMICA? E' EVIDENTE E INDISCUTIBILE!
Un fraterno, valido consiglio del C.S.F.C.”

* * * * * * *

Se il Governo fallisce, se le Industrie agonizzano, non cerchiamo la soluzione nelle indagini, nelle reunioni sindacali, nei congressi; non limitiamoci a lanciare appelli affinché tutti prendano coscienza della realtà. AGIAMO!
La soluzione esiste, una soluzione cosciente e responsabile per la sopravvivenza singola e collettiva, ma dobbiamo far presto, dobbiamo iniziare immediatamente un lavoro comune che ci veda tutti uniti in questa immensa opera di salvezza.
Milioni e milioni di ettari di terreno incolto aspettando uomini di buona volontà disposti a far rifiorire la prosperità che questa grande e generosa Madre Terra è sempre pronta ad elargire. Il progresso tecnologico ha allontanato la gioia di amare la terra; per troppo tempo l'ha inconsciamente ignorata, resa sterile e malata, ma può essere pur sempre lo stesso progresso tecnologico che può farla ritornare feconda e viva per la sopravvivenza dell'immensa famiglia umana, diversamente avviata verso un'apocalittica carestia.

Ora è venuto il tempo di ritornare a lavorare i campi, e l'uomo chiede soltanto di venire aiutato ad instaurare delle comunità agricole, assistito dai mezzi meccanici attualmente conosciuti, dove possa lavorare e vivere una vita serena, prospera e sana.
La tecnologia moderna possiede efficienti mezzi che consentono di lavorare i campi e di renderli attivi e fecondi; usiamoli per depurare, irrigare, coltivare.
Noi del C.S.F.C., saremo i primi a dare l'esempio di una vita comunitaria agricola, ma chiediamo di venire imitati e seguiti in questa iniziativa che potrebbe risolvere definitivamente gli annosi problemi e dare ad un'umanità disperata la speranza di un avvenire veramente migliore.


PER IL C.S.F.C.
La segretaria
Maria Antonietta De Muro


NOI DEL C.S.F.C. AUSPICHIAMO, ARDENTEMENTE DESIDERIAMO:

Auspichiamo “ONESTA'”, “SENSO DI RESPONSABILITA'”.
Desideriamo essere governati con Amore, ma anche con Giustizia.
Desideriamo il bene relativo per TUTTI, nessuno escluso.
Desideriamo il NECESSARIO PER TUTTI, IL SUPERFLUO A NESSUNO, così come ci ha insegnato un Maestro di Coscienza Universale.
Desideriamo che il lavoro e il suo frutto vadano in una giusta e coordinata direzione positiva, costruttiva e a beneficio della tranquillità e della ordinata prosperità del popolo.
Desideriamo lavorare qualche ora in più a beneficio dei popoli in via di sviluppo e dimostrare così il nostro fraterno Amore.
Desideriamo dare il nostro incondizionato bene alla terra, Madre generosa, e tutelare con devota religiosità tutto ciò che deve vivere per l'equilibrio e la sanità della nostra esistenza.
Desideriamo che si evitino gli sperperi inutili delle risorse naturali.
Auspichiamo una scienza che ci aiuti ma che non ci renda schiavi.
Desideriamo una scienza positiva, cosciente, costruttiva in ogni senso.
Desideriamo Pace! Pace! Pace!
Desideriamo un benessere relativo per tutti e una fratellanza che ci accomuni nei dolori e nelle gioie, nel male e nel bene, affinché mai ci manchi il conforto e l'aiuto nella LUCE DELL'AMORE PIU' GRANDE DI TUTTI GLI AMORI.
Questo auspichiamo e desideriamo, noi del Centro Studi Fratellanza Cosmica.

Eugenio Siragusa


* * * * * * *

Un grande economista americano, Adam Persivan, ci ha scritto chiedendo il parere dell'Extraterrestre ADONIESIS sull'economia mondiale. Ed ecco la risposta:

IL NECESSARIO A TUTTI, IL SUPERFLUO A NESSUNO !
E' QUESTA LA NOSTRA LEGGE! SAPPIAMO BENISSIMO QUANTO SIA DIFFICILE, PER VOI TERRESTRI, L'ACCETTAZIONE DI QUESTO ORDINAMENTO, MA SARETE COSTRETTI A DOVERLO MOLTO MEDITARE E DEDURRE, E QUINDI A DETERMINARE LA LEGGE CHE CONSENTA A TUTTI GLI ESSERI VIVENTI SUL VOSTRO PIANETA DI AVERE IL NECESSARIO, ABOLENDO IL SUPERFLUO, CHE ALTRO NON E' CHE SPERPERO DELLE RISORSE NATURALI E DEPAUPERAZIONE DELLA RICCHEZZA DI TUTTO IL GENERE UMANO.
QUESTO SENSO DI RESPONSABILITA' COSCIENTE DOVRA' PREVALERE PER GIUSTIZIA E PER AMORE, SUPERANDO GLI OSTACOLI CHE SI FRAPPONGONO A CAUSA DELL'IPERTROFICO EGOISMO DI POCHI A DANNO DEL DIRITTO DEI PIU'. LA MISERIA E LA FAME SONO STIMOLANTI DI PRATICHE DELITTUOSE E DI VIZI NEGATIVI E DELETERI. IL RELATIVO BENE PER TUTTI, NESSUNO ESCLUSO, E' IL METODO PIU' EFFICACE E PIU' LOGICO PER IMPEDIRE LA DEGENERAZIONE E L'ODIO E PER AVALLARE UN PROCESSO DI VERA PACE FRA TUTTI GLI UOMINI DELLA TERRA. NON E' DIFFICILE ISTITUIRE E METTERE IN PRATICA QUESTA LEGGE UNIVERSALE, NON E' DIFFICILE SE LA BUONA VOLONTA' PREVARRA' CON COSCIENTE CONSAPEVOLEZZA E CON ARISTOCRATICITA' SPIRITUALE.
OCCORRE CREARE UN COMUNE DENOMINATORE E INDIRIZZARE LA GRANDE RICCHEZZA DELL'UOMO LAVORO IN UNA DIREZIONE POSITIVA, EVITANDO LA DISPERSIONE O LA DISTRUZIONE ATTRAVERSO IL NEGATIVO DESIDERIO DI AVERE MOLTO PER GODERE POCO, LASCIANDO GLI ALTRI PRIVI DI AVERE QUEL POCO CHE GLI BASTA PER VIVERE.
NELL'ECONOMIA CREATIVA DEL VOSTRO PIANETA ESISTONO VALORI CHE SFUGGONO ALLE INDAGINI SCIENTIFICHE SINO AD OGGI EFFETTUATE DALLA VOSTRA SCIENZA. QUESTI VALORI AGISCONO PROPONENDO ALL'INTELLIGENZA AZIONI NON CONFORMI AI VOSTRI DESIDERI NE' ALLE VOSTRE INGIUSTE RICHIESTE.
DOVETE, FORZATAMENTE, ABITUARVI A NON RICHIEDERE L'IMPOSSIBILE E A REGOLARE LE VOSTRE NECESSARIE ESIGENZE CON UNA REGOLA CHE SIA CONTENUTA E RESPONSABILE. IL SUPERFLUO E LO SPERPERO CREANO DISTONIE NELL'ECONOMIA CREATIVA E LE RITORSIONI SONO FAME E NEGAZIONE DELL'EQUILIBRIO IN OGNI SENSO.
SODDISFARE IL NECESSARIO BISOGNO DI TUTTI, INVESTENDO COSCIENTEMENTE LA RICCHEZZA DI TUTTI E IL LAVORO DI TUTTI PER IL BENESSERE RELATIVO DI TUTTA L'UMANITA'”.


ADONIESIS



                                                                                                            Abbraccio tutti
                                                                                                        Filippo Bongiovanni



No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada